Cos'è l'Inflammaging (infiammazione cronica di basso grado)?

L’inflammaging è un processo infiammatorio cronico e silenzioso che non viene attivato in conseguenza ad un'aggressione esterna per difendere l'organismo, bensì si auto-sostiene a causa dell’indebolimento del sistema immunitario che provoca la produzione cronica di molecole (citochine) pro-infiammatorie e a causa di errati comportamenti e stili di vita.

Cosa significa Inflammaging?

Inflammaging unisce le parole "inflammation" (infiammazione) e “aging” (invecchiamento). Infiammazione e invecchiamento precoce del sistema immunitario sono due fenomeni collegati e pericolosi per la salute. Questa connessione è stata condensata nel termine Inflamm-aging, coniato negli anni 2000 dall'immunologo Dott. Claudio Franceschi dell'Università di Bologna per descrivere una condizione dell'organismo, interessato da un’infiammazione cronica lieve (low grade), persistente (cronica), che non ha sintomi visibili (latente), ma che è in grado di produrre effetti sistemici su tutto l’organismo. Questi effetti sistemici hanno conseguenze sulla salute a 360 gradi e intaccano tutti i comparti dell'organismo, dal sistema immunitario alla pelle, fino ad essere considerata da molti ricercatori come responsabile di un’ampia gamma di malattie cronico degenerative. L'infiammazione cronica di basso grado è infatti considerata come precursore di patologie cardiovascolari, aterosclerosi, neoplasie, malattie cerebrali, patologie epatiche, sarcopenia (progressivo declino della massa e della forza muscolare).

Inflammaging: quali sono i sintomi?

Non ci sono dei sintomi precisi e individuare questa condizione infiammatoria a livello clinico è complicato. I sintomi sono vaghi e vari, spesso non si manifestano a livello analitico, ma la condizione infiammatoria di basso grado persiste e si ripercuote sulla struttura geneticamente più vulnerabile per il singolo individuo. Tra i principali sintomi che contraddistinguono un organismo con inflammaging troviamo malessere diffuso, indolenzimento generalizzato, stanchezza cronica, difficoltà nella concentrazione, difficoltà a dormire, gonfiore addominale e problematiche gastrointestinali, quest'ultimo sintomo anche di una alterata detossificazione epatica.

Infiammazione cronica di basso grado e cortisolo

I livelli di infiammazione cronica di basso grado dipendono da genetica e stili di vita, ed aumentano in un arco temporale che va da da anni a decenni. Una dieta non adeguata, elevati livelli di insulina e un'attivazione cronica di cortisolo, l'ormone dello stress, ma anche la componente genetica contribuiscono all'insorgenza dell'inflammaging. In particolare da un lato la sovralimentazione e l'obesità promuovono l'inflammaging che si manifesta con l'insulino-resistenza che attiva risposte infiammatorie che possono danneggiare organi e tessuti. Dall'altro l'essere costantemente minacciati da fattori di stress esterni come alimentazione sregolata, stili di vita errati come fumo, alcol, sedentarietà, eccessiva esposizione a stress chimici, ambientali, elettromagnetici, abuso di terapie antibiotiche non strettamente necessarie, ecc., provoca una risposta immunitaria smodata che dà vita ad infiammazione.

In particolare per rispondere allo stress l'organismo produce elevati livelli di cortisolo, perché questo ormone (detto anche ormone dello stress) va immaginato come un pompiere che dovrebbe spegnere l'incendio\infiammazione, ma non riesce a farlo perché la legna su cui è divampato il fuoco produce solo fumo senza riuscire a spegnersi, causando ancor più infiammazione. Insomma un circolo vizioso che nel tempo non fa che complicare il quadro infiammatorio cronico di basso grado, complici anche elevati livelli di insulina. Anche il microbiota intestinale riveste in quest'ambito un ruolo di primaria importanza, poiché la disbiosi intestinale non correttamente gestita, può causare una situazione infiammatoria con aumento della permeabilità intestinale e traslocazione di alcuni frammenti batteri (LPS) dal lume intestinale alla sottomucosa, causando una iper-attivazione dei macrofagi, contribuendo ad un quadro di immunosenescenza con deregolazione del sistema immunitario.